Zone A Défendre
Tritons crété-e-s contre béton armé

Sito internet de⋅gli⋅lle occupanti della ZAD

Sito internet de⋅gli⋅lle occupanti della ZAD, territorio previsto per la costruzione del futuro aeroporto di Notre-Dame-des-Landes.

Per i pianificatori la ZAD é la Zone d’Aménagement Différé (Zona di Pianificazione Differita); per noi é la Zona dA Difendere : un pezzo di campagna a qualche kilometro da Nantes (Bretagna) che dovrebbe, per coloro che prendono le decisioni, lasciare il posto ad un aeroporto internazionale.

Il loro progetto consiste nel costruire una piattaforma economica "Grand’Ovest" d’importanza internazionale tra Nantes e Saint-Nazaire, che formerebbero una sola e grande metropoli. La realizzazione di questa grande metropoli richiede un controllo del cielo, del mare e della terra attraverso la sostituzione dell’attuale aeroporto di Nantes con un nuovo aeroporto a Notre-Dame-des-Landes, ma anche grazie all’ingrandimento del porto di Saint-Nazaire, la costruzione di nuove strade e autostrade..

I desideri che ci hanno spinto a venire a vivere sul territorio previsto per l’aeroporto sono molteplici : abitare su un territorio in lotta, che permetta di essere vicini⋅e delle persone che si oppongono da 40 anni a questo progetto e poter agire durante i lavori; approfittare degli spazi lasciati all’abbandono per imparare a vivere assieme, a coltivare la terra, ad essere più autonomi di fronte al sistema capitalista.

Plus

À la une

Notizie dal fronte

Informazioni pratiche

Groupes de la ZAD

  • Chantier au verger

    19 octobre

    Des racines pour l’ouest – Chantier au verger Le groupe verger « des racines pour l’ouest » vous invite à son traditionnel chantier d’hiver. Ce sera le dimanche 19 novembre de 13h30 à 17h30. Cette année, pas ou très peu de plantation mais ça ne veut pas dire qu’on manque d’occupation. On voudrait désherber les buttes (au pied des arbres et autour de plantes compagnes et arbustes de la haie fruitière en devenir. Et puis on aimerait vraiment améliorer nos grillages anti-chevreuils qui ont malheureusement (...)

  • [Radio Klaxon] Pourquoi tes sur la zad-interview croisee improvisee en sol mineur

    19 octobre

    Pourquoi tes sur la zad-interview croisee improvisee en sol mineur 1h10 En juin 2017, au cours des rencontres « éduquer et apprendre », une bande de jeunes, des mineur.e.s plus ou moins déscolarisé.e.s prennent le contrôle de Radio Klaxon pendant toute une soirée OpenBus, 4h non-stop sans beaucoup de musique, dont voici un extrait. Illes attrapent quelques personnes qui traînent par là et les font s’asseoir autour d’une question « pourquoi t’es sur la Zad ? » puis mille autres questions toujours (...)

Textes

Anti Répression

Vinci & cie

  • Adotta un subappaltatore

    26 aprile 2014

    https://adopteunsoustraitant.noblogs.org/ un blog con delle idee, dei suggerimenti e degli indirizzi per andare a infastidire i subappaltatori dell’aeroporto. "Adotta un subappaltatore" è una campagna (per niente comunale!) che vuole spingere le imprese citate ad abbandonare ogni implicazione nel progetto dell’aeroporto di Notre Dame de Landes. La multinazionale Vinci, in caricata del progetto dell’aeroporto di Notre Dame de Landes, non è un grosso blocco unico, potente e intoccabile. E (...)

Compagni di lotta

  • Nouvelle traduction : Ventimiglia

    14 luglio 2016

    from: https://campeggiosenzafrontiere.noblogs.org/ 5 – 10 AGOSTO 2016 SENZA FRONTIERE: campeggio di lotta contro i confini a Ventimiglia e dintorni Dopo lo sgombero del 30 settembre del campo autogestito nato durante l’estate ai Balzi Rossi, l’arrivo a Ventimiglia di persone in viaggio verso il confine francese non si è mai arrestato. Nell’aprile 2016 il ministro Alfano arriva in visita a Ventimiglia, dichiarando la sua intenzione di “risolvere il problema e ripulire la città dai migranti”. Il (...)

  • Si all’accoglienza incondizionata dei migranti !

    12 maggio 2016

    No alla loro deportazione verso la Turchia fascista di Erdogan ! Appello per una giornata internazionale di mobilizzazione ! Sabato 21 Maggio Dopo aver consegnato i migranti ai “passeurs” e reso la Grecia una trappola di rifugiati, rifiutando ostinatamente di aprir loro mezzi legali di accesso al proprio territorio e avallando la chiusura della rotta dei Balcani, l’Unione europea è impegnata oggi in un vero e proprio baratto della vergogna. Con l’accordo tra l’UE e Turchia saranno (...)

Espace presse