Zone A Défendre
Tritons crété-e-s contre béton armé

Home > Espace presse > Comunicati stampa > Cosa sta succedendo durante la chiamata di questa domenica o la magia della (...)

Cosa sta succedendo durante la chiamata di questa domenica o la magia della zad!

domenica 15 aprile 2018

Tutte le versioni di questo articolo: [English] [Español] [français] [italiano]

Cosa sta succedendo durante la chiamata di questa domenica o la magia della zad!

Nonostante il blocco del governo, una folla tra 15.000 e 20.000 persone è riuscita ad ogni costo ad incontrarsii sulla zad questa domenica. Nuovi gruppi continuano ad arrivare sul luogo questo pomeriggio. Da stamattina, tutto è stato fatto per rompere questo grande slancio di solidarietà: sbarramenti e controlli ovunque, checkpoint polizieschi alle uscite della tangenziale con avvertimento ai conducenti di non andare sul posto. È la prima volta che lo stato cerca così di impedire una grande manifestazione di questo tipo sullo zad e fare aumentare la tensione. Ma qui lo spirito collettivo non si lascia intimidire in questo modo: i sostenitori conoscono i sentieri, i campi e sorpassano in gruppi i blocchi di polizia. Il movimento che ha ottenuto l ’abbandono del progetto d’aeroporto si ritrova oggi di nuovo oggi con tutta la sua forza e diversità per difendere la zad.

Momento solenne alla fattoria di Bellevue alle 14: le migliaia di bastoni piantati l’8 ottobre 2016 sono stati spiantati. Avevamo giurato di venire a prenderli il giorno in cui la zad sarebbe tornata sotto attaccato. È giunto il momento! Persone di tutte le età sono ripartite sulla strada di suez, scortando una grande struttura di legno portata da un convoglio di trattori. Questa bellissima costruzione è stata realizzato questa settimana con legno della zad sotto “l’hangar del futuro della zad” da dozzine di falegnami. Per ora è montato sul campo della wardine e potrà essere spostato in seguito. Centinaia di persone si passano di mano in mano gli assemblaggi di legno. È su questo stesso campo che nel 2012, durante la manifestazione di rioccupazione, che le catene umane avevano trasportato la massa di materiali per costruire un villaggio della Chateigne.

Oggi centinaia di bastoni sono stati immediatamente piantati in torno al cantiere per proteggere questo nuovo edificio, che fungerà da non-mercato e sala riunioni che inizialmente doveva essere portato direttamente al Gourbi e per sostituire l’area comune distrutta giovedì. Nel frattempo altri gruppi importanti di manifestanti, bastoni in mano, traboccano da tutti i lati il dispositivo di polizia posto sulla D81, e attraversano la strada per passare a est sulla zona proibita e occupata questa mattina da colonne gendarmi. Una costruzione mobile viene portata attraverso i campi. Più di un centinaio di persone sono ancora sequestrate da questa mattina alla fattoria de La Grée. Dei sostenitori cercano di raggiungerli. Ci annunciano la presenza del prefetto all’incrocio della Saulce. Dopo la manifestazione determinata di oltre 10.000 persone ieri tra sindacalisti, studenti e sostenitori della zad, la prefetta potrà constatare di nuovo che non potrà schiacciare il nostro desiderio collettivo col terrore e la distruzione! Intanto le azioni di solidarietà continuano in molte città in Francia e in tutto il mondo questo fine settimana.

La zad ferita è sempre magica! Presto maggiori informazioni sul seguito degli eventi di questo pomeriggio